Miglior Sommelier d'Italia 2017

< Torna alla lista
Dal 28 al 29 Ottobre, 2017 Dopo le selezioni di Milano del 18 settembre, sarà Taormina il palcoscenico delle selezioni che porteranno alla nomina del vincitore - nelle giornate del 28 e 29 ottobre. Le semifinali e le finali, a cura dell’Associazione Italiana Sommelier, saranno guidate da una giuria di esperti che - alla fine delle diverse prove - assegnerà il titolo di “Miglior Sommelier d’Italia 2017”. A premiare, sarà l’Istituto Trento Doc, a nome di tutte le 48 case spumantistiche trentine.
 
PRESENTAZIONE CANDIDATI SEMIFINALI E FINALI – TAORMINA 28 E 29 OTTOBRE

Cosa può rappresentare, per ognuno di loro, vincere la finale e il titolo di MIGLIOR SOMMELIER D’ITALIA 2017?
Ecco le loro risposte:

Alessio Serafini
"Sarebbe un grande onore poter rappresentare la sommellierie italiana nel mondo. Un percorso con un inizio preciso, ma senza alcun dubbio privo di fine".

Antonio Riontino
"Diventare il Miglior Sommelier d'Italia per me sarebbe un grande salto professionale e il coronamento di un sogno".

Domenico Bellantonio
"Il vino è storia, è arte, è cultura. Essere Miglior Sommelier d'Italia significherebbe essere ambasciatore di tutto questo!".

Marco Casadei
“Diventare il Miglior Sommelier d'Italia sarebbe per me un grande onore, un punto d’arrivo e di partenza per proseguire questo splendido viaggio nel mondo del vino.”

Andrea Sala
"Vincere il concorso per me significherebbe continuare la mia professione con responsabilità, concretezza, confronto, stimoli, obiettivi".

Simone Vergamini
"Vincere il concorso rappresenterebbe la svolta decisiva dal punto di vista personale e professionale, non un obiettivo finale ma un nuovo punto di partenza".


Roberto Anesi 
"Nel viaggio infinito che il mondo del vino offre, vincere il concorso, sarebbe solo un ulteriore punto di partenza. Un timbro in più di questo passaporto che ti apre le porte del mondo!".

Salvatore Castano
"Diventare Miglior Sommelier d'Italia per me sarebbe un piccolo sogno che dopo tanta fatica, sacrificio e dedizione si realizzerebbe, e che mi permetterebbe di pensare ai Campionati di Miglior Sommelier al Mondo che si terranno tra 2 anni".

Artur Vaso
"Vincere il concorso rappresenterebbe un immenso onore ed il coronamento di un percorso professionale nato dalla passione per il mondo vino in tutte   le sue declinazioni".

Stefano Berzi
"Diventare Miglior Sommelier d'Italia rappresenterebbe un immenso onore ed il coronamento di un percorso professionale nato dalla passione per il mondo vino in tutte   le sue declinazioni".

Valentino Tesi

"Diventare il Miglior Sommelier d’Italia significherebbe dipingere un sogno con un calice di vino, aprendo un nuovo capitolo nella mia vita".

Sergio Garreffa
"Vincere il concorso rappresenterebbe il coronamento di un lungo cammino Ais dal 1983".

Francesca Penzo
"Vincere il concorso sarebbe un onore e significherebbe coronare un percorso fatto di passione e impegno verso il mondo del vino, ma anche un nuovo e importante inizio accompagnato dalla medesima dedizione".

Davide D'Alterio
"Diventare Miglior Sommelier d'Italia significherebbe dimostrare a me stesso quanto sono cresciuto e cambiato di fronte a questo vasto e complesso panorama. Una immensa realizzazione!".

Carlo Pagano
"Diventare miglior sommelier d'Italia è la massima aspirazione di un professionista, la coronazione di un percorso iniziato anni fa con dedizione, passione e divertimento nel mondo del vino, il più bello che ci sia!".

Massimo Tortora
"Essere arrivati sino a qua è già motivo di orgoglio per tutti, vincere sarebbe una grande soddisfazione, il sogno che si avvera. Poter essere ambasciatore del vino italiano e avere la responsabilità di comunicarlo, sarà gratificante".

Maura Gigatti
"Diventare Miglior Sommelier d'Italia, significherebbe realizzare tutto quello che ho imparato in questi anni e raggiungere un traguardo di altissimo livello".