La vendemmia

Per fissare la data della vendemmia, gli agronomi tengono conto del grado di acidità contenuta nell’uva, fattore di primaria importanza che rivela la qualità dell'uvaggio destinato a diventare metodo classico.
Oltre all’acidità, la data del raccolto è decisa anche dall’analisi degli zuccheri, dei sali minerali e delle sostanze aromatiche. Sono giorni febbrili quelli precedenti alla vendemmia: gli esami chimici con prelievi in vigna si susseguono quotidianamente, fino a decidere giorno e ora.
In Trentino non esistono mezzi meccanici e la vendemmia si fa a mano, in cassette di piccole dimensioni per salvaguardare al massimo i chicchi ed evitare quindi danni che potrebbero alterare quell’equilibrio tanto cercato.
L’uva appena vendemmiata va trasportata il più velocemente possibile in cantina e messa subito in lavorazione.