X
Seleziona la tipologia dell'area riservata
X
Accedi all'area Press
Accedi all'area press inserendo l'email e la password.
Se non hai le credenziali d'accesso clicca su Registrati.

SOLO VITICOLTURA SOSTENIBILE

Non ci sono vigneti Trentodoc senza viticoltura sostenibile.
Tutte le case spumantistiche seguono un “Protocollo d’Intesa” sottoscritto nella seconda metà degli anni ottanta che riduce al minimo – se non addirittura annulla – l’impatto delle viticolture sull’ambiente.
Fra i principi sanciti, l’utilizzo di concimi organici, l’inerbimento dei vigneti nel modo più naturale possibile, la confusione sessuale e la lotta ai parassiti affidata agli uccelli che si nutrono di insetti fra le viti.
Anche il fabbisogno d’acqua destinato all’irrigazione dei vigneti è controllato e razionalizzato in base alle caratteristiche dei terreni e alle condizioni metereologiche.

Grazie a studi e sperimentazioni condotte con il supporto di Fondazione Mach, i viticoltori trentini hanno dimostrato come la biodiversità sia possibile anche nei territori di montagna. In sintesi, viticoltura sostenibile è sinonimo di grande rispetto per la natura e per i suoi ritmi, che permette di limitare gli interventi dell’uomo e ridurre così al minimo i residui sulle uve.

Biologico come viticoltura di qualità

È in continuo aumento la superficie di vigneto biologico in Trentino, naturale conseguenza dell’attenzione e della responsabilità delle case spumantistiche verso il territorio.
Newsletter
unchecked checked